CM: Firenze Volley non replica. Finisce 1-3 per la corrazzata Robur Scandicci

I nostri biancorossi, privi di Fidato, non riescono a bissare il successo ottenuto in trasferta alla prima giornata.

È la Robur Scandicci ad uscire vittoriosa 1-3 dal campo fiorentino nonostante i padroni di casa abbiano trovato il pareggio nel secondo parziale giocando da vera squadra.
Infatti, il terzo e il quarto set sono stati un dominio biancoblù che, con l’esperienza e l’elevato tasso tecnico, riescono a conquistare i tre punti.

Nella formazione iniziale mister Giglio schiera Gori in cabina di regia, Cosentino opposto, Baldanzi L. e Intravaia schiacciatori, Gasser e Barsacchi centrali e Baldanzi G. libero.

Dall’altra parte della rete, mister D’Onofrio schiera Barbera palleggiatore, opposto Sanso’, Casisa e Cena laterali, Ceccarelli e Rinaldi centrali e De Cristofaro libero.

All’ inizio del primo set sono gli ospiti ad avere in mano il pallino del gioco conducendo la gara 2-8 grazie ad un ottimo lavoro offensivo. Lottando punto a punto, i biancorossi riescono ad arrivare a metà set con solo un punto di svantaggio (15-16).
Firenze Volley resiste ma gli attacchi vincenti di Casisa e compagni tengono la Robur avanti nel punteggio 19-21.
Nel finale, un potente ace di Sansò sancisce la fine del set in favore degli ospiti sul 20-25.

Nel secondo parziale Giglio inserisce Coletti al posto di Barsacchi al centro.
Stavolta la partenza biancorossa è più incoraggiante e la squadra gioca punto a punto con gli avversari conducendo la gara sul 8-7. Intravaia e Baldanzi provano a caricarsi la squadra sulle spalle ma devono fare i conti con l’ottimo muro ospite.
A metà parziale è ancora una sfida alla pari con Firenze Volley avanti di un punto sul 16-15 grazie ad un buon gioco durante il cambio palla.
Durante il set si annotano cambi per entrambe le formazioni: Vitrugno per Cosentino tra le file biancorosse e l’ex Checcucci per Barbera in cabina di regia nel campo della Robur.
Il buon lavoro svolto in contrattacco in posto quattro e l’ottimo utilizzo dei centrali Gasser e Coletti hanno permesso a Firenze Volley di continuare a condurre la gara 21-19, nonostante siano sempre in agguato gli attacchi insidiosi di Casisa, Sansò e la salda presenza dei centrali ospiti in posto tre.
Nel finale Firenze allunga e chiude il secondo parziale 25-21 con l’errore al servizio di Sansò.

Nel terzo set si annota una partenza quasi identica a quella del primo parziale, con la Robur che conduce il parziale 3-8.
Il divario nel punteggio rimane ampio anche oltre metà set con gli ospiti che spadroneggiano prima 9-16 e poi 11-21, macinando punti su punti dalle varie posizioni. Firenze Volley non cambia marcia e Robur chiude il set 15-25 con un attacco in diagonale di Cena.

La dura sconfitta nel set precedente suscita un sentimento di rivalsa tra le fila biancorosse che iniziano il quarto set con un altro atteggiamento. La sfida è una lotta punto a punto fino ad arrivare sul punteggio di 8-7.
La Robur, che non intende far la fine del secondo parziale, continua a colpire forte da posto due con Sansò e a fare buona guardia a muro con Rinaldi.
Il doppio cambio LeonardiVitrugno per Gori e Cosentino non risolve la situazione che rimane sotto il controllo ospite sul 13-16.
Successivamente la Robur allunga lasciando i padroni di casa fermi sul 14-21 e alla fine, Rinaldi chiude il set 18-25 con un muro regalando così i tre punti in palio alla sua squadra.

Le parole del mister Giglio:

“Perdere una partita non è mai bello però se analizziamo la partita, posso essere soddisfatto del lavoro che ha svolto la mia squadra. A tratti siamo riusciti a tenere testa agli avversari da vera squadra, riuscendo anche a strappare un set ad una corrazzata come Scandicci.”

MVP: Andrea Sansò: 30 punti

Miglior realizzatore Firenze Volley: Lapo Baldanzi 17 punti

>> Prossimo incontro: Pol. Remo Masi- Firenze Volley / Sabato 30 ottobre ore 21:00 al PalaOmero

Lorenzo Basagni
Addetto Stampa

Guido Desirò
Social Media  Manager

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *